Ci ho messo un pochino a trovare un titolo decente per questo post. Non l’ho trovato :smile:. Comunque, è il momento di passare al secondo obiettivo dei miei #100DaysOfCode: sistemare il sito del matrimonio. Dove per ‘sistemare’ ho di fatto scoperto che intendevo dire ‘rifare’. Come mai? Per due ragioni, una tecnica l’altra di cuore.

Quella tecnica è legata al cambio di hosting e a un problema con il programma che ho usato per creare il sito. Cambiando l’hosting sono passato da http a https facendo sì che le immagini usate nella sezione Luna di Miele non venissero più caricate correttamente. La mia prima idea, di conseguenza, è stata semplicemente di aggiornare gli url. Non è stato così semplice. Perché? Perché il sito lo ho creato usando Construct 3, ma deve essere cambiato qualcosa di fondamentale nel salvataggio web, oppure a me è sfuggito qualcosa. Nonostante tutto funzionasse (non bene, ma abbastanza) un anno fa, oggi non è più così. E onestamente non ho voglia di metterci mano per capire dove è il problema. Anche perché è un’ottima scusa per darla vinta alla ragione del cuore.

Cosa intendo? Intendo che, anche se non l’ho detto a nessuno quando ho creato il sito del nostro matrimonio avevo in testa una cosa. Mi sarebbe piaciuto, e mi piace tutt’ora, l’idea di aggiungere alle informazioni base (noi due, gli appuntamenti, la lista nozze e la luna di miele) alcune pagine (o sezioni? o paragrafi?, non so) dedicate a quello che poi è stato. Perché è stata una giornata meravigliosa, indimenticabile, e vorrei che qualcosa trasparisse dal sito.

Certo, mia moglie e io abbiamo i nostri ricordi, abbiamo l’album di nozze e la musica del ricevimento, ci sono video, il guest book e tante tante cose. Però, non so bene spiegare il perché, avere anche un accenno a questo sul sito mi pare una cosa bella.

Quindi, se tanto devo cambiare, spostare e aggiungere allora è meglio rifare tutto ex novo. Mantenendo la stessa apparenza, ovviamente, ma con lo sguardo ben rivolto al mio obiettivo: far sì che il sito del nostro matrimonio sia un bel ricordo, per noi e per chi c’era.

Scrivi un commento